Crea sito

Un Luogo Comune

per non dare nulla per scontato

15 ottobre
0Comments

Preghiera

Roma, quindici ottobre 2011. Tantissime persone si riversano nella capitale per manifestare contro alla crisi, contro alla risposta che è stata data alla crisi dai potenti, contro alla logorìa di questo decennio. La cosa migliore ce poteva capitare: un sintomo di vita in un mondo morto, zaino in spalla e via, a ricostruire ciò che più è andato in crisi: l’uomo. Nella prima mattinata tutto a posto, si cammina, si sfila, si balla, si sta in allegria, si sta insieme, armati solo di domande. Poi ecco quello che non doveva capitare. Le ali a destra e a sinistra del corteo corrono nelle strade, al centro c’è fibrillazione, sta succedendo qualcosa di sbagliato. Dei bastardi incappucciati si sono uniti, non hanno urlato, non hanno parlato, hanno solo fatto. Vetrine martellate, auto esplose, feriti in strada, la polizia s’innervosisce. Il resto è caos, e il caos non si può raccontare. Il caos c’è e basta e non ha giustificazioni, se non quella della sua presenza stessa, che non fa che creare un circolo vizioso senza fine. Volti senza nome, o meglio felpe nere senza contenuto, provenienti da nessun posto , bastardi senza vita, pagati da chissachì per chissà quale fine, hanno rovinato tutto. Hanno massacrato gli intenti di un popolo, hanno fatto fare la solita figura di merda all’Italia e la cosa più sconcertante è che l’hanno fatto senza alcun motivo. Io mi chiedo come può l’uomo, davanti a qualcosa di terribile e drammatico come il periodo che stiamo vivendo, rispondere senza pietà. Come 100 bastardi riescono a fare quello che fanno senza ricordarsi di essere uomini, prima che black bloc. Questo è il dramma, quello della fragilità dell’uomo. E davanti a questo dramma non posso che pregare, che chiedere l’aiuto del Dio degli spietati, il Padre di tutti i bastardi, colui che ha dato la vita anche per loro, il Signore dei cortei, il Cristo delle violenze , lo Spirito del non-senso. “Signore, perdonali e aiutami a perdonarli, donami questa grazia. Perché non sanno quello che fanno”

 
No comments

Place your comment

Please fill your data and comment below.
Name
Email
Website
Your comment